NEWS

Benefici di una corretta coibentazione a cappotto

By admin | In Isolamento e Coibentazione | on luglio 10, 2017

Benefici di una corretta coibentazione a cappotto

Coibentazione a cappotto: aspetti principali

Adatta per la ristrutturazione di precedenti costruzioni, ma anche per migliorare qualitativamente gli ambienti interni di un immobile recente, la coibentazione è una soluzione che sta trovando consensi nel comparto edile, poiché i benefici sono molteplici, sia a livello economico che energetico. Le tecniche, differenti fra loro, hanno lo scopo unico di isolare sistemi diversi che, in contatto con le condizioni ambientali esterne, possono essere influenzate negativamente da queste ultime.

Oltre alle pareti delle camere sono in molti a prediligere la coibentazione del tetto, potendo ottimizzare il soffitto traendone un notevole risparmio sia a livello economico che energetico e termico.

Isolamento Soffitto

Isolamento a cappotto esterno: differenze con la coibentazione interna

L’isolamento a cappotto è una tecnica basata sull’utilizzo di materiali altamente isolanti (come sugheri, polistirene, poliuretano, schiume espanse, lane, ecc…) realizzati sotto forma di pannelli che andranno installati sulle pareti esterne di un edificio al fine di preservare gli ambienti da caldo e freddo, ottimizzando la temperatura e rendendola omogenea. Le intercapedini sono riempite con ulteriore materiale isolante, per evitare spazi che potrebbero vanificare lo scopo della coibentazione a cappotto. Quest’ultima, proprio come se fosse un mantello, protegge l’immobile dagli agenti atmosferici come acqua, neve, umidità e caldo torrido, offrendo interni isolati dagli sbalzi di temperatura.
Le tecniche di isolamento esterno sono differenti ma simili fra loro, con l’eventualità che quasi sempre è necessario procedere con autorizzazioni comunali e condominiali, mentre nel caso di ville a schiera in molti casi è necessaria l’approvazione del vicino.
La coibentazione interna è un lavoro più semplice ma non sempre corrispondente alle attese, perché molto spesso il problema dovrebbe essere risolto sulle pareti esterne, esposte con più facilità alle condizioni climatiche.
Se i contro possono disincentivare la realizzazione di una coibentazione a cappotto, i vantaggi sono notevoli, potendo trarre benefici a livello energetico (l’immobile sarà riqualificato ed ottimizzato potendo salire di classe energetica), e fiscale (le detrazioni toccano la soglia del 75% sul totale della spesa).

isolamento-cappotto-soffittostratificazione isolamento

Coibentazioni a cappotto: quando serve

La coibentazione a cappotto è una soluzione ottimale per riqualificare da punti di vista differenti gli interni del proprio immobile. Le vecchie costruzioni possono presentare problemi di muffa, mentre quelle recenti possono essere costruite con materiali scadenti, tali da agevolare le infiltrazioni di umidità e la dispersione termica. Se un intervento edile tempestivo previene situazioni spiacevoli (come la comparsa di muffa o di macchie di umidità dopo una pioggia torrenziale), una coibentazione esterna eseguita perfettamente consente di avere ambienti interni asciutti tutto l’anno, caldi d’inverno e freschi d’estate. La temperatura interna non viene influenzata da quella esterna, mentre l’umidità si riduce notevolmente, soprattutto quando l’abitazione è esposta a nord o si trova in una posizione che ne favorisce l’insorgenza.
Un ulteriore beneficio, spesse volte sottovalutato, è tipico delle coibentazioni a cappotto: l’isolamento acustico. L’utilizzo di specifici materiali ed un’installazione perfetta riduce l’ingresso dei rumori esterni all’interno dell’abitazione, a maggior ragione se l’immobile è situato in città o in luoghi prossimi a stazione ferroviarie, porti, aree ad elevato trambusto. In tal modo gli ambienti saranno vivibili sotto ogni aspetto, potendo creare degli interni su misura ed in base alle proprie esigenze.

Benefici di una corretta coibentazione a cappotto

Per corretta coibentazione si intende l’installazione di pannelli adatti alle proprie esigenze, sfruttando materiali idonei all’immobile. Nulla dovrà essere lasciato al caso, eseguendo anche tecniche differenti in base alle esigenze che si vogliono soddisfare.
Il primo beneficio è la riduzione della dispersione termica della temperatura interna. I pannelli isolanti eviteranno che, durante le stagioni invernali, il calore di termosifoni, stufe e caminetti fuoriesca all’esterno, mentre durante l’estate gli interni rimarranno freschi. Di conseguenza si ridurrà l’utilizzo di riscaldamenti e condizionatori, con notevole risparmio economico sulle bollette mensili.
Un interno isolato dalle condizioni ambientali esterne è protetto dall’umidità e dalla muffa, potendo migliorare l’acustica in termini di tranquillità e di silenzio.
Gli ambienti saranno ottimizzati senza necessariamente eseguire lavori di ristrutturazione ingenti, e l’immobile avrà un efficientamento energetico notevole, con possibilità di ottenere una classe energetica superiore certificata dall’attestato APE.

Coibentazione a cappotto: benefici fiscali

Oltre alla riqualificazione energetica e ad un notevole risparmio sulle bollette, la coibentazione a cappotto rientra fra quegli interventi di edilizia che prevedono agevolazioni fiscali in termini di detrazioni. A seconda se il lavoro venga eseguito su singole unità immobiliari o su parti esterne di un edificio in comune (ossia di un condominio) gli incentivi partono da una soglia minima del 65% fino a raggiungere il 75%, potendo cedere il bonus alle imprese nel caso in cui non si è tenuti al versamento. L’efficientamento energetico potrà essere suddiviso in rate annuali fino ad un massimo di dieci, considerando le soglie massime stabilite dalla legge per ciascun tipo di intervento.

No Comments to "Benefici di una corretta coibentazione a cappotto"

Copyright © 2012 - design by Lenterstudio |
SOTEA Srl - P.IVA 02764080012 - Via Ghemme 8 - 10145 Torino (Italy)