NEWS

Cos’è il controsoffitto in cartongesso e come viene realizzato

By admin | In Cartongesso | on marzo 22, 2017

Che cos’è il controsoffitto - Sotea Srl

Cartongesso, cos’è ed utilizzi

Il cartongesso è un materiale ampiamente usato nel settore dell’edilizia che permette di costruire in tempi brevi pareti divisorie, rivestimenti e controsoffitti. Il cartongesso oltre ad essere molto economico e veloce da installare, vanta eccellenti caratteristiche di isolamento (termico e acustico) e permette di personalizzare fortemente gli ambienti. Viene prodotto con lastre di gesso racchiuse tra fogli di resistente cartone e, se adeguatamente trattato, può aumentare la sua resistenza al fuoco.

Che cos’è il controsoffitto?

Quella del controsoffitto è una soluzione sempre più usata da progettisti ed interior designer per contenere l’altezza di ambienti molto elevati, per incassare impianti di vario tipo, per migliorare l’aspetto di un vecchio soffitto o per rendere più soddisfacente l’isolamento termico ed acustico di una stanza con un conseguente maggior comfort per chi la abita.
Il controsoffitto, a seconda dei casi, può quindi avere una funzione di praticità, uno scopo semplicemente estetico o entrambi. Gli impieghi più diffusi sono per nascondere fili elettrici e tubature di impianti di condizionamento e riscaldamento, ma sempre più persone scelgono di integrare l’impianto di illuminazione in una controsoffittatura per ottenere un effetto elegante e pulito degli ambienti.
I controsoffitti, che una volta montati riducono l’altezza del locale, possono essere installati esclusivamente dove vengono comunque rispettati i valori minimi di 270 cm per le parti abitabili e di 240 cm per corridoi e disimpegni. Inoltre, tutti i controsoffitti devono soddisfare i requisiti previsti dalla normativa europea UNI EN 13964:2007 in fatto di resistenza al fuoco, flessione dei componenti, capacità portante, igiene, assorbimento acustico ed isolamento termico.

Controsoffitti in cartongesso

Il cartongesso permette di creare controsoffitti sospesi che distribuiscono luce e colore e controsoffitti ispezionabili e non a seconda delle diverse necessità. I controsoffitti modulari in cartongesso sostenuti da sistemi di sospensione hanno moduli in appoggio che possono essere spostati per intervenire nello spazio tra le doghe di cartongesso e il soffitto vero e proprio. Queste realizzazioni sfruttano strutture generalmente metalliche con profili nascosti o a vista. Esistono sistemi di sospensione a T molto resistenti a trazioni e scosse di terremoto, perimetrali a L, a C, per vallette a L e profili distanziatori. Il fissaggio degli elementi al solaio avviene con l’ausilio di ganci e pendini che variano a seconda delle dimesioni e del progetto.

Vantaggi del controsoffitto in cartongesso

La realizzazione di una controsoffittatura di questo genere comporta una spesa inferiore a lavori in muratura, copre eventuali inestetismi del solaio, consente il passaggio di impianti tecnologici (aerazione forzata, climatizzatore, antincendio, elettrico, rilevazione gas, ecc), ottimizza l’isolamento termico e acustico, aumenta le performances antincendio e richiede tempi di lavorazione ridottissimi.
Proprio per tutte queste caratteristiche il controsoffitto in cartongesso è l’ideale non solo in contesti abitativi, ma anche in locali commerciali e ambienti lavorativi.

Posa in opera di un controsoffitto in cartongesso

Per un eccellente risultato finale la posa del controsoffitto deve essere eseguita a regola d’arte.
In base alle esigenze e alla funzione che andrà ad assolvere, bisogna scegliere il giusto pannello di cartongesso che può variare per dimensione e spessore e che, in ogni caso, potrà essere tinteggiato e rifinito in molteplici modi.
Successivamente bisogna creare la struttura portante sia che sfrutti le sole pareti della stanza sia che preveda l’ancoraggio al solaio con appositi elementi.
Una volta termita questa fasa sarà possibile posare i pannelli di cartongesso assicurandoli con chiodi e viti.
I pannelli possono essere regolari o caratterizzati da curve e ondulazioni, dove svolgono una funzione estetica ed artistica.

Controsoffitto in cartongesso, costi

Il prezzo di un controsoffitto in cartongesso dipende principalmente dalla sua grandezza e comprende il costo del materiale da costruzione, dei profili e della struttura metallica, delle viti e degli altri sistemi di fissaggio. Nonostante la posa di un controsoffitto in cartongesso non comporti particolari difficoltà è sempre meglio affidarsi ad uno specialista del settore per ottenere un risultato armonico e per vedere rispettati tutti gli standard di sicurezza.
Non c’è da meravigliarsi quindi se nonostante il basso costo della materia prima un controsoffitto in cartongesso arriva a costare anche 30/40 euro al metro quadro.

No Comments to "Cos’è il controsoffitto in cartongesso e come viene realizzato"

Copyright © 2012 - design by Lenterstudio |
SOTEA Srl - P.IVA 02764080012 - Via Ghemme 8 - 10145 Torino (Italy)